Skip to content

Immaginare la città del futuro con Cities Unlocked

A cura di Linda Chandler, Digital Advisor

Industry: Responsabile IT

Teniamo conto di questo dato: più del 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città entro il 2050. Contemporaneamente, un residente su quattro o su cinque sarà un cittadino anziano con esigenze di accessibilità specifiche.

Linda Chandler headshotInfluenzare il futuro delle città è stato uno dei miei principali stimoli per vari anni. Per presentarmi, sono Linda Chandler, un Microsoft Digital Advisor dell’ufficio di Singapore. I Microsoft Digital Advisory Services sono un team di Microsoft Services. I Digital Advisor apportano la propria esperienza, assieme alle risorse, all’esperienza e all’innovazione di Microsoft, per aiutare le organizzazioni a realizzare le loro aspirazioni digitali. Collaboriamo per promuovere un programma di cambiamenti allo scopo di creare le aziende digitali dei nostri clienti e il nostro Sito web è disponibile qui.

Il mio lavoro sulle città intelligenti è uno sfogo perfetto per la mia passione, che consiste nell’essere determinante nella società grazie alla tecnologia. I cittadini non si preoccupano della tecnologia di base che consente di gestire le loro città. Invece, si concentrano su un aspetto che hanno considerato prioritario per secoli: la qualità della vita familiare, l’istruzione, l’occupazione e l’eredità sociale. Desidero condividere un paio di idee con voi, ossia il vasto concetto della Anywhere Working City e un progetto specifico che prende in considerazione l’accessibilità e l’inclusione, Cities Unlocked.

La Città che funziona ovunque

People sitting at a table in a big roomIl concetto di una Anywhere Working City consiste nell’idea di una città altamente vivibile e policentrica, diretta dalle aspettative sociali di un modo di lavorare e vivere diverso, reso possibile da nuovi paradigmi costruttivi, dalla tecnologia e dai sistemi di trasporto. In un nostro originale studio, Philip Ross ed io abbiamo esaminato quattro concetti:

  • Oltre le città intelligenti: È sorprendente pensare a quanto il panorama della mobilità urbana si è evoluto in un periodo molto breve con l’introduzione dei servizi di viaggi in comune come Uber, Lyft e Grab allo scopo di offrire un'”architettura dei trasporti” che col tempo sarà più flessibile dell’odierna “infrastruttura dei trasporti”. Proviamo a immaginare come evolveranno i nostri paesaggi urbani quando infrastrutture come i parcheggi per le auto non saranno più necessari nell’era della guida autonoma.
  • Il terzo spazio: Molti tra noi comprendono la polarizzazione del lavorare in ufficio e lavorare da casa. Il concetto di co-lavoro o di incontro casuale con un collega o ancora di risposta a una chiamata in teleconferenza in una caffetteria, a volte detto “il terzo spazio”, finirà col produrre un potente cambiamento sociale.
  • La città delle 100 miglia: Se ampliamo il concetto di connessioni di trasporto, che tradizionalmente si sono protese nell’hinterland, fino a un’idea di città policentrica e sostituiamo la nostra connettività basata sui mezzi di trasporto fisici con la connettività digitale, quanto potranno ancora allargarsi i vantaggi economici che ne derivano?
  • Evoluzione e Rivoluzione a confronto: È importante esplorare le opportunità e le sfide insite nelle città vergini confrontandole con quelle delle città consolidate: ci sono pro e contro da entrambi i lati.

La tecnologia potrebbe essere lo stimolo a lungo termine di un cambiamento sociale che determina le nostre percezioni relative al lavoro in futuro.

Cities Unlocked

“Cities Unlocked” è un programma di collaborazione incubato da Microsoft Research, che è il prodotto di una partnership unica tra Microsoft, l’ente di beneficenza britannico Guide Dogs e varie altre organizzazioni. Il prototipo di un’esperienza ricca di stimoli sonori migliorerà la mobilità e aumenterà la fiducia e l’autonomia delle persone ipovedenti. Tramite l’audio 3D, l’intelligenza ambientale del cloud e una semplice app su uno smartphone, una persona acquisisce un senso spiccato di ciò che la circonda e questo stimola un’esperienza magica di esplorazione e scoperta. Il progetto pilota di Cities Unlocked si è svolto nel Regno Unito.

Linda Chandler presenting at Smart City Expo 2016 Showcasing “Cities Unlocked”
Linda Chandler presenting at Smart City Expo 2016 showcasing “Cities Unlocked”

La collaborazione con Guide Dogs è stata avviata ricorrendo a una metodologia di progettazione creata sulla co-creazione; ampliando i principi di progettazione incentrata sugli utenti, abbiamo riunito persone ipovedenti, esperti di mobilità di Guide Dogs e progettisti e tecnologi di Microsoft per fare in modo che queste diverse prospettive trovassero posto nella ricerca e nell’analisi che conduciamo sul campo. Il processo di apprendimento dell’orientamento e della mobilità rivolto alle persone ipovedenti non ha subito cambiamenti in quasi un secolo. Tuttavia, l’avvento delle tecnologie digitali e specialmente l’uso dell’audio 3D per comunicare a una persona dove si trova e cosa la circonda, può potenzialmente consentire alle persone di scoprire ed esplorare i luoghi in base ai propri desideri anziché limitarsi agli spazi noti. I principi di progettazione inclusiva fanno sì che Cities Unlocked sia ampiamente applicabile.

Useful Links

Contattaci