Skip to content

Sostenere le persone impegnate ad affrontare le sfide alimentari globali

A cura di Claudia Rössler, WW Industry Director, Chemical, Agricultural, Life Sciences Industry

Industry: Processi di produzione e risorse

La sopravvivenza a lungo termine del sistema di produzione alimentare attuale è a rischio. Secondo il Segretario all’Agricoltura degli Stati Uniti, nei prossimi 40 anni il settore agricolo dovrà raggiungere un tasso di innovazione superiore a quello degli ultimi 10.000 anni messi insieme per riuscire a nutrire una popolazione in costante aumento. Ecco perché attualmente l’agricoltura sostenibile è così importante per il futuro del nostro pianeta.

Oggi la capacità di produrre alimenti in modo sostenibile, senza danneggiare l’ambiente o minacciare la salute dell’uomo, sta stimolando una vera e propria rivoluzione nel settore agricolo. Persone motivate che rispettano l’ambiente, lottano contro la fame nel mondo, promuovono la sicurezza alimentare e politiche di sviluppo sostenibile stanno liberando tutto il potenziale dell’agricoltura.

Ho potuto constatare in prima persona lo straordinario impegno di queste persone a favore di uno sviluppo sostenibile al Multi Stakeholder Forum on Science, Technology and Innovation (STI Forum), che si è svolto il 15 e il 16 maggio negli Stati Uniti.

Durante il confronto con i partecipanti alla conferenza, ho spiegato come la tecnologia sta supportando gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU con esempi di agricoltura intelligente e trattamento sostenibile delle acque che hanno sortito risultati concreti, come ad esempio raccolti più abbondanti e un minore consumo idrico.

Il boom del settore AgTech

È chiaro che questo settore sta diventando sempre più dinamico. Ogni giorno mi capita di ascoltare storie di agricoltori che creano alimenti di qualità migliore, producendo raccolti più abbondanti e realizzando maggiori profitti.

Che cosa stimola tutto questo fermento? Una gestione potenziata delle colture è fondamentale, specialmente se si considera che la produzione di alimenti richiede una grande quantità di risorse ed è soggetta a minacce continue. Una percentuale stimata del 70% dell’acqua potabile mondiale viene impiegata per coltivare, mentre fino al 40% dei raccolti viene distrutto da erbacce, malattie e insetti. Immaginiamo quanto diventerebbero più produttivi gli agricoltori se fossero in grado di ottimizzare l’irrigazione, monitorare i campi coltivati, controllare le attività dei roditori e salvare i raccolti da insetti e malattie.

Grazie agli interessanti sviluppi nel campo dell’intelligenza artificiale e del calcolo cognitivo, all’IoT (Internet of Things), ai Big Data e all’analisi avanzata, oltre che a un coinvolgimento sempre maggiore della società, Microsoft e i nostri partner stanno trasformando il sogno dell’innovazione AgTech in realtà per aziende di ogni dimensione.

Sostenere gli agricoltori colpiti dal cambiamento climatico

La passione nel risolvere le sfide alimentari è ciò che motiva i dipendenti di Microsoft in tutto il mondo. Vedo tanti esempi di dipendenti che incarnano l’impegno duraturo di Microsoft per la sostenibilità e affrontano le sfide ambientali attraverso l’uso della tecnologia e dell’innovazione.

Prashant Gupta è un Microsoft Cloud + Enterprise Principal Director il cui desiderio di fare la differenza nel Paese in cui è nato ha spinto Microsoft a collaborare con un’agenzia delle Nazioni Unite, l’ICRISAT (International Crops Research Institute for the Semi-Arid Tropics) e con il governo dell’Andhra Pradesh in India per aiutare i coltivatori di ghiande di terra a contrastare la siccità.

Gupta e il suo team hanno sviluppato una soluzione servendosi dell’analisi avanzata e dell’apprendimento automatico, oltre che dei progressi nelle tecnologie di calcolo Microsoft, per lanciare un programma pilota volto ad aiutare gli agricoltori colpiti dal cambiamento climatico. Il programma include un’app per la semina che suggerisce agli agricoltori qual è il momento più favorevole per la semina in base alle condizioni meteorologiche, alle caratteristiche del suolo e ad altri indicatori.

A giugno 2016, i dati di questa app suggerivano agli agricoltori di rinviare la piantumazione di due settimane. Gli agricoltori che hanno seguito questo consiglio hanno ottenuto un raccolto per ettaro superiore del 30% rispetto a quelli che hanno deciso di aderire al proprio programma di piantumazione tradizionale. I coltivatori possono ricevere informazioni e aggiornamenti sulla semina attraverso messaggi di testo inviati ai telefoni cellulari (anziché a smartphone) che gli sono stati forniti. Per saperne di più su questa storia di collaborazione e di successo da cui trarre ispirazione, guarda questo  video.

Ridurre lo spreco alimentare

Dirk de Jong, Microsoft Service Delivery Manager nei Paesi Bassi, stava cercando un sistema valido per dimostrare come la potenza dell’analisi avanzata può produrre un impatto ecologico. Gli è venuta l’idea di contribuire a ridurre lo spreco alimentare nel bar di Microsoft, una preoccupazione notevole per ristoratori, titolari di aziende di catering e ambientalisti. Oltre a garantire un risparmio significativo in termini di costi e risorse, la diminuzione della quantità di alimenti che finisce nella pattumiera ogni giorno consente alle aziende anche di ridurre al minimo la loro impronta ecologica.

Dirk ha collaborato con il Microsoft Data Platform Consultant Dennis Eikelenboom per mettere a punto un’applicazione per Hutten Catering che trasforma i dati in informazioni approfondite di concreto utilizzo circa le operazioni giornaliere di questa azienda. Anziché affidarsi all’intuito, Hutten utilizza un dashboard di Microsoft Power BI per scoprire modelli e fatti relativi al consumo alimentare: vendite, menu preferiti in base al giorno della settimana, numero previsto di avventori, condizioni meteorologiche e così via, per procedure di approvvigionamento più efficienti e adeguate al menu del giorno.

Offrire assistenza sul campo in tempo reale

DunavNET, un partner IoT di Microsoft, offre una serie di benefici agli agricoltori grazie alle sue soluzioni intelligenti per il settore agricolo che vanno sotto il nome di agroNET. agroNET, che si fonda sull’IoT di Microsoft Azure, è un gruppo di componenti modulari e servizi cloud pronti all’uso, concepiti per offrire una vasta competenza nel settore agricolo in un formato facilmente accessibile e fruibile. Basato sul database SQL di Azure, questo set di strumenti agricoli digitali combina le conoscenze agricole sviluppate nel corso degli anni sul suolo e le piante, grazie a sensori e gateway in grado di registrare e analizzare accuratamente dati esatti in tempo reale. La soluzione presenta i dati agli agricoltori sotto forma di utili commenti, ad esempio sul momento opportuno per irrigare le colture, sui sistemi di controllo delle malattie e sulle aree in cui occorre combattere i parassiti.

Una storia di successo da cui trarre ispirazione riguarda l’uso della suite agroNET da parte di una fabbrica di zucchero in Serbia per migliorare la coltivazione delle barbabietole da zucchero. Sensori che misurano il tenore d’acqua del suolo, uniti alle previsioni meteorologiche locali e ad alcuni modelli di coltura, aiutano gli agricoltori della fabbrica a irrigare le colture al momento più opportuno e nella misura più corretta. Il risultato? Questo sistema ha consentito alla fabbrica di aumentare il raccolto del 30% e di ridurre il consumo idrico del 20%. Leggi il case study completo qui per maggiori informazioni sulle soluzioni intelligenti di DunavNET per il settore agricolo.

Innovare le colture con la genomica

Un’altra storia di innovazione mette in risalto il lavoro che viene svolto dal ricercatore Nicola Bonzanni. Nicola persegue le proprie passioni per la natura e la tecnologia risalenti all’infanzia applicando i progressi dell’informatica e dell’ingegneria per risolvere problemi di natura biologica. La sua storia ispiratrice comincia con gli studi di Nicola sul cancro e la successiva applicazione di tecniche simili a tutti gli esseri viventi, usando il modello della “ricerca come servizio”. La sua utilità basata sul Web, ConBind.org, sfrutta la scalabilità on-demand del servizio Microsoft Azure Batch, consentendo agli utenti di eseguire query bioinformatiche complesse in modo semplice e rapido.

Nicola collabora con KeyGene, una delle maggiori aziende AGBioTech al mondo, con la passione dell’innovazione delle colture. Applicano la genomica per identificare i tratti salienti, la resistenza alle malattie o il ciclo di vita, ad esempio, che interessano i selezionatori di piante. I partner prevedono di applicare lo strumento ConBind ai genomi vegetali e aiutare gli agricoltori a ottenere benefici, ad esempio creando piante in grado di resistere alla siccità, aumentando la resa delle colture e migliorando il valore nutrizionale di queste ultime.

Oltre alla collaborazione con KeyGene, il nuovo progetto di Nicola è la startup ENPICOM, supportata dal programma Microsoft BizSpark, con l’intento di coniugare ingegneria del software e biologia per creare offerte “Internet of Living Things”. Guarda questo video di due minuti sul lavoro di Nicola.

Con oltre un migliaio di scienziati e ingegneria che collaborano in laboratori di tutto il mondo, Microsoft Research si occupa di genomica da più di dieci anni. È interessante constatare che le novità nei metodi di calcolo di Microsoft – che consistono essenzialmente nell’uso del cloud computing di Azure per rendere i processi chiave del sequenziamento del genoma sette volte più rapidi e consentire, così, ai medici di diagnosticare condizioni rare e pericolose in sole quattro ore anziché 28 – potrebbero accelerare anche importanti scoperte per Nicola e i suoi partners di KeyGene nella loro lotta per una produzione alimentare più sana ed efficiente.

Creare una “new economy” per le cooperative di agricoltori

I casi di scienziati, ingegneri e imprenditori del settore agricolo che lavorano instancabilmente per migliorare il nostro mondo sono presenti ovunque. Durante il nostro evento Microsoft Build 2017 che sì è svolto dal 10 al 12 maggio, Judson Althoff, Executive Vice President di Microsoft, operazioni commerciali internazionali, ha discusso di come abbiamo aiutato Land O’ Lakes nella sua trasformazione digitale che l’ha resa un’azienda agricola di precisione da 13 miliardi di dollari. La società è passata dal portare un acro di terreno, che di solito produceva 130 stai circa di granoturco per acro, alla capacità produttiva di 500 stai di granoturco per acro: tutto nel modo più sostenibile possibile. Questo tipo di innovazione sta migliorando l’agricoltura per una nuova generazione.

Per dirla con le parole di Judson: «Parli con gli agricoltori che hanno lavorato nelle aziende agricole per generazione e li senti dire: “Mio padre ha mandato avanti questa azienda. Se mi dicessero che un computer o l’intelligenza artificiali possono consentirmi di ottenere una resa maggiore da questo pezzetto di terra che aro a mani nude da una vita, che mio padre ha arato prima di me e mio nonno prima di lui, non ci avrei mai creduto”. Eppure, questa è la realtà di oggi. Se possiamo trasformare il burro con strumenti digitali, possiamo fare altrettanto con la vostra azienda”.

L’agricoltura sostenibile è un’area la cui importanza che non può che aumentare. Spero che troviate queste storie di successo e le persone appassionate che le hanno rese possibili stimolanti come io credo che siano. Mentre la tecnologia digitale continua a trasformare le nostre aziende, i settori di attività e le comunità, Microsoft si impegna a offrire strumenti alle persone che rendono possibili tali innovazioni affinché ottengano ancora di più nel loro operato per risolvere le sfide ambientali, aumentare il benessere dell’umanità e rendere il mondo un posto migliore.

Useful Links

Contattaci